domenica , 17 ottobre 2021

Weekend 11-12 novembre 2017

Dal 16 settembre 2017 al 22 gennaio 2018 al Museo Civico di Bassano del Grappa: “Robert Capa Retrospective”

robert_capa_bassano_del_grappa

97 fotografie in bianco e nero, del più grande fotoreporter di guerra del mondo, che ripercorrono i maggiori conflitti del XX° secolo e si articolano in 11 sezioni: “Copenhagen 1932”, “Francia 1936-1939”, “Spagna 1936-1939”, “Cina 1938”, “Seconda guerra mondiale 1939-1945”, “Francia 1944”, “Germania 1945”, “Europa orientale 1947”, “Israele 1948-1950”, “Indocina 1954”.  Troviamo poi una sezione dedicata ai “Ritratti” che raffigurano Gary Cooper, Ernest Hemingway, Ingrid Bergman, Pablo Picasso, Henri Matisse, Truman Capote, John Huston, William Faulkner e molti altri.
Robert Capa fondatore di Magnum Photos nel 1947 insieme a Henri Cartier-Bresson, George Rodger, David “Chim” Seymour e William Vandivert, ha scattato foto in tutti i conflitti dal 1936 al 1954, anno della sua morte in Indocina, per una mina anti-uomo.
Orario: Tutti i giorni, anche festivi 10 – 19. Chiuso il martedì, il 25 dicembre e 1° gennaio. Apertura straordinaria: martedì 26 dicembre 2017.

Sapori del territorio: “Montello e Colli Asolani Doc – Diversi tipi di vino: Rosso, Prosecco, Prosecco Spumante, Merlot, Cabernet, Chardonnay, Chardonnay Spumante, Pinot Bianco, Pinot Bianco Spumante, Pinot Grigio.
Abbinamenti: asiago, pasta con i bisi, anguilla, asparagi, cozze.
 

Al Museo Nazionale di Palazzo Venezia a Roma dal 29 settembre 2017 al 28 gennaio 2018: “Oriente incontra Occidente. La Via della Seta Marittima dal XIII° al XVII° Secolo”

oriente_incontra_occidente_roma

100 oggetti del periodo compreso tra la Dinastia Song (960 – 1279) fino alla tarda epoca Ming (1368 – 1644). La Via della Seta marittima (meno nota della Via della Seta che si estende attraverso Europa, Medio Oriente e Asia Centrale), è stata altrettanto rilevante perché, attraverso il traffico di merci, le nazioni e i popoli, hanno reciprocamente acquisito nuove idee, conoscenze tecniche e filosofiche e culti religiosi, in un mutuo scambio che ha contribuito allo sviluppo delle successive società moderne.
La mostra è divisa in quattro sezioni tematiche: la Via della Seta, la Via delle Spezie e delle Porcellane, la Via delle Religioni e la Via delle Culture. In esposizione troviamo preziosi manufatti antichi, porcellane, gioielli, sete, spezie, pitture, oggetti di uso comune in pietra intagliata, metallo o legno. Tra i pezzi più significativi si segnalano la Caraffa in argento con manico a forma di dragone (XIX° sec.); la Statua in porcellana di Guanyin Bodhisattva (Dinastia Ming, 1368 – 1644 d.C.) proveniente dalla fornace di Dehua; la ceramica bianca e blu con la Crocifissione di Cristo (Dinastia Qing, 1662 – 1722); il lingotto intagliato prodotto dalla fusione di oro occidentale; la Corona in oro con pietre preziose incastonate ritrovata nella tomba del Principe Liangzhuang (Dinastia Ming, 1368 – 1644 d.C.) insieme ad altri gioielli prodotti in Occidente. Alcuni degli oggetti in mostra provengono da antichi relitti, come quello rinvenuto nel sito del naufragio del Nanhai I° in epoca Song (960 – 1279 d.C.), e quelli del Wanli e Nan’ao della Dinastia Ming (1368 – 1644 d.C.).
Orario: 8.30 – 19.30.

Sapori del territorio: “Velletri Doc” – Bianco, Rosso.
Abbinamenti: pajata, trippa alla romana, prochetta, capretto e castrato.
 

A Catania presso il Museo Civico Castello Ursino dal 26 marzo 2017 al 20 maggio 2018: “Da Giotto a De Chirico i Tesori Nascosti”

giotto_de_chirico_catania

Una selezione di oltre 100 opere che racconta la storia dell’arte italiana dal Medioevo al Novecento. Dipinti e sculture di proprietà di fondazioni bancarie, istituzioni e collezionisti privati con l’obiettivo di valorizzare un patrimonio artistico “nascosto” perché non esposto nei musei pubblici.
Orario: Dal lunedì al venerdì 9.00 – 19.00. Sabato e domenica 9.00 – 21.00. La biglietteria chiude un’ora prima.

Sapori del territorio: “Marsala Doc” – Da mosti, vini e loro miscele prodotti con le uve di Grillo e/o Catarratto e/o Catarratto bianco comune e/o Catarratto bianco lucido e/o Pignatello e/o Calabrese e/o Nerello mascalese e/o Damaschino e/o Inzolia e/o Nero d’Avola, con l’aggiunta di alcol etilico di origine vitivinicola o acquavite di vino e di mosto cotto, mosto concentrato e sifone (prodotto preparato con mosto) derivanti da uve coltivate nella prevista zona di produzione.
Colore oro, ambra, rubino.
Abbinamenti: formaggi erborinati, cassata siciliana, frutti di Martorana, cannoli.