mercoledì , 19 gennaio 2022

Weekend 21-22 novembre 2015

Al Palazzo della Ragione di Milano la mostra “Henri Cartier-Bresson e gli altri

henri_cartier_bresson_milano

Continua a Palazzo della Ragione di Milano il progetto fotografico ideato in occasione dell’Expo 2015. Fino al 7 febbraio 2016 sarà aperta al pubblico l’esposizione sui più grandi maestri della fotografia di tutti i tempi: Henri Cartier-Bresson e gli altri- I Grandi fotografi e l’Italia. Le sette aree tematiche della mostra prenderanno il via da 20 fotografie degli anni ’30 di Henri Cartier Bresson e altri 35 autori che comporranno il quadro di un’Italia vissuta e interpretata con una sensibilità mai lontana da quella dell’obiettivo. Da List a Salgado, Newton e McCurry, il nostro Paese non ci sembrerà mai uguale a se stesso, ma cangiante come le evoluzioni della storia della fotografia e quelle sociali.

Sapori del territorio: “Valtellina Superiore DOCG” – Vitigni: Nebbiolo. Il Valtellina Superiore DOCG viene prodotto nei vigneti delle aree storiche altamente vocate con una resa massima di uva pari a 8 t. per ettaro. Grazie al servizio del Consorzio, l’uva raccolta durante la vendemmia viene pesata e controllata per qualità merceologica e analitica (caso unico in Italia). I dati riferiti ad ogni conferitore vengono direttamente elaborati dal Consorzio per il controllo delle superfici e delle rese in vigneto.

A Roma gli impressionisti della “Phillips Collection” di Washington D.C.

impressionisit_moderni_roma

“Impressionisti e moderni. Capolavori dalla Philipps Collection di Washington” è il titolo della mostra che si tiene a palazzo delle Esposizioni in via Nazionale fino al 14 febbraio prossimo. Sono sessantadue i capolavori esposti e che appartengono alla collezione del magnate americano. La mostra segue un ordine rigorosamente cronologico: dai grandi artisti del XIX secolo che hanno rivoluzionato la pittura europea – Goya, Ingres, Delacroix, Courbet – ai grandi del Novecento – Braque, Picasso, Matisse, Kandinskij – passando per gli impressionisti più celebri – Van Gogh, Cezanne, Degas, Monet. La Phillips Collection rappresenta una delle più prestigiose raccolte di opere appartenenti all’arte moderna.

Sapori del territorio: “Salamini Italiani alla Cacciatore DOP” – Prodotti con carni magre derivanti dalla muscolatura striata delle carcasse di suino, grasso suino duro, sale, pepe a pezzi o macinato e aglio. Possono essere addizionati con vino, zucchero (destrosio, fruttosio, lattosio), latte (magro o in polvere) o caseinati, ma anche con coltura di avviamento alla fermentazione, nitrato di sodio e di potassio, acido ascorbico. Tutto il preparato viene insaccato in budelli naturali e artificiali di diametro non superiore a 75 millimetri, eventualmente legati in filza, e di lunghezza non superiore a 350 millimetri. Hanno forma cilindrica, sono compatti ed omogenei, di consistenza non elastica. Il colore è rosso rubino, con granelli di grasso uniformemente distribuiti. La pezzatura piccola (peso massimo 500 grammi) li rende ben adatti a una alimentazione moderna e consente di avere a disposizione un prodotto sempre fresco da consumare in tempi veloci. Sono serviti come antipasto, abbinati generalmente a vini rossi.

Al Madre di Napoli tre mostre di tre grandi artisti

tre_artisti_napoli

Al Museo Madre di Napoli si sono inaugurate tre mostre di tre grandi artisti che ribadiscono la centralità del Museo Madre nell’ambito del contemporaneo italiano. Nei tre piani dell’ottocentesco Palazzo Donnaregina che ospitano il Madre, il Museo d’Arte Contemporanea Donnaregina si trovano le esposizioni: Daniel Buren – Axer / désaxer. lavoro in situ, 2015 che rimarrà fino al 4 luglio 2016; “Marco Bagnoli – la voce. nel giallo faremo una scala o due al bianco invisibile” che rimarrà fino al 29 febbraio 2016 e Mark Leckey. Desiderata (in media res), che sarà al Madre fino al 18 gennaio 2016.

Sapori del territorio: “Caciocavallo Silano DOP” – Formaggio di latte di vacca, semi-duro a pasta filata, di stagionatura variabile, di forma ovale o tronco-conica, con testina o senza, con presenza d’insenature. Peso medio 1-1,5 kg., pasta omogenea, compatta con lievissima occhiatura, colore bianco o gialli paglierino più carico all’esterno.