domenica , 17 ottobre 2021

Weekend 27-28 febbraio 2016

A Ravenna la mostra “La seduzione dell’antico”

seduzione_antico_ravenna

”La seduzione dell’antico. Da Picasso a Duchamp, da De Chirico a Pistoletto”. Il richiamo all’antico lungo tutto il Novecento è al centro di questa mostra a cura di Claudio Spadoni, aperta dal 27 febbraio fino al 26 giugno al Museo d’Arte della Città di Ravenna, con opere di grandi protagonisti italiani e stranieri di generazioni e tendenze diverse. E’ suddivisa in sezioni, come I generi della tradizione (ritratto, natura morta, paesaggio), poi il barocco e i suoi artisti: Scipione, Fontana, Leoncillo. O icone pop con Schifano, Festa, Ceroli. L’antico e il post-moderno con Salvo, Ontani, Mariani e Paladino. Tra gli artisti più importanti del ventesimo secolo sono esposti De Chirico, Morandi, Carrà, Martini, Savinio, Casorati, Sironi, De Pisis, Campigli, Severini. O il cosiddetto Realismo magico, da Sciltian a Clerici e Guttuso, solo per citare alcuni esempi, quindi la Pop Art e l’Arte Povera, con artisti come Paolini, Pistoletto e, tra gli stranieri, Picasso, Duchamp, Man Ray, Dalí, Klein o Christo.

 

Via! Fotografia di strada da Amburgo a Palermo” al Museo di Roma in Trastevere

via_fotografia_strada_roma

Fino al 3 aprile, presso il Museo di Roma in Trastevere si tiene l’esposizione fotografica “Via! Fotografia di strada da Amburgo a Palermo”, promossa da Roma Capitale – Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali. Si tratta di un progetto fotografico che ha visto la sua nascita nel 2014 grazie al Goethe-Instituit. A partecipare a questo progetto sono stati dieci fotografi, provenienti da due nazioni diverse, la Germania e l’Italia. Tante le città che sono state rese protagoniste di questi straordinari scatti, a partire da Amburgo fino ad arrivare a Palermo. All’esposizione ad essere mostrate allo spettatore ben 52 fotografie che stanno a rappresentare un vero e proprio viaggio. Un viaggio in paesi distanti tra loro, con abitudini differenti, con persone diverse, città in cui anche le atmosfere che si percepiscono sono distanti tra loro.

 

Una valigia di suoni: presentato il Play Music Festival 2016

una_valigia_di_suoni_reggio_calabria

“Una valigia di suoni”, questo il tema dell’iniziativa che per tre week end, dal 27 febbraio al 13 marzo, vedrà l’alternarsi negli spazi delle Officine Miramare a Reggio Calabria, di concerti, incontri, performance artistiche e mostre fotografiche. Si partirà sabato 27 febbraio con la performance d’arte “Pre-Posizioni”, in collaborazione con Technè Contemporary Art, ed il concerto dei Periscope Quintet, band jazz che propone una reinterpretazione personale di temi di Bill Evans, Billy Strayhorn e Charles Mingus. Giovedì 3 marzo si viaggerà idealmente verso il Brasile con un incontro di introduzione alla musica popolare brasiliana, a cura del compositore Giovanni Guaccero, con la performance “Auto-nòmos” di Taciana Coimbra – che dal viaggio personale dell’artista brasiliana, a Reggio da molti anni, sviluppa una riflessione sul tema dell’autonomia e del valore dell’oggetto artistico –, e con il concerto del Trio Da Paz, prima tappa del tour europeo della band unica per capacità di coniugare il jazz alla musica brasiliana. Sabato 12 marzo, invece, sarà protagonista Baba Sissioko, musicista simbolo del Mali – residente in Calabria – che insieme al chitarrista rock-blues Luigi Masciari, ci accompagnerà in un viaggio nelle sonorità del blues, musica di migrazione, denuncia, ma allo stesso tempo di speranza.