domenica , 17 ottobre 2021

Weekend 6-7 maggio 2017

Alla Villa Reale di Monza dal 31 marzo al 2 luglio 2017: “Da Monet a Bacon”

monet_bacon_monza

Una selezione di opere, dall’immenso valore artistico, disegnate da celebri autori quali: Signac, Monet, Picasso, Cezanne, Degas e tanti altri, provenienti dalla Johannesburg Art Gallery. Disponibili, su prenotazione, operatori del museo che accompagneranno i visitatori in questa bellissima e suggestiva mostra.
Orario: da martedì a domenica 10.00 – 19.00. Venerdì 10.00 – 22.00. Chiuso il lunedì.

Sapori del territorio: “Franciacorta Docg” – Vitigni: Chardonnay, Pinot Bianco, Pinot Nero.
Si ottiene esclusivamente dalla lenta fermentazione in bottiglia per minimo 25 mesi dalla vendemmia di cui almeno 18 a contatto dei lieviti. Il Franciacorta millesimato matura in bottiglia oltre 37 mesi dalla vendemmia, di cui almeno 30 sui lieviti, per dare intensi profumi e aromi delicati e fini. Sono ammesse le tipologie di sapore: Non Dosato (Pas Dosè, Dosage Zéro, Nature), Extra Brut, Brut, Brut Satén, Sec, Demisec. Il Franciacorta Rosé è prodotto con uve bianche e rosse vinificate separatamente con una pressatura soffice delle uve intere. La preparazione della cuvèe con vino Chardonnay, vino Pinot Bianco e il 15% almeno di vino Pinot Nero avviene a fine fermentazione. Il vino Rosato può essere ottenuto solo dalla vinificazione del Pinot Nero della zona di produzione ed è utilizzato in minima parte nella creazione della cuvèe del vino base.
 

Dal 28 marzo al 24 settembre 2017 presso gli Uffizi di Firenze: “Il cosmo magico di Leonardo da Vinci: l’Adorazione dei Magi restaurata”

cosmo_magico_leonardo_firenze

La tavola vinciana (la più grande in assoluto: cm. 246×243), fu commissionata a Leonardo nel 1481 dai monaci agostiniani per la Chiesa di San Donato a Scopeto. Nel 1482 il Maestro partì per Milano lasciando inultimata l’opera, tanto che, alcuni anni più tardi, i committenti fecero eseguire a Filippino Lippi un’altra pala d’altare con l’Adorazione dei Magi, terminata nel 1496, e visibile anch’essa in questa mostra. Il dipinto rimase per qualche tempo nelle case della famiglia fiorentina dei Benci, per poi entrare nelle collezioni dinastiche dei Medici. Il restauro, durato sei anni, è stato effettuato dall’Opificio delle Pietre Dure con il sostegno economico degli Amici degli Uffizi.
Orario: 8.15 – 18.50.

Sapori del territorio: “Brunello di Montalcino Docg” – Dalle uve di Sangiovese.
Colore rosso rubino intenso tendente al granato, sapore asciutto, caldo, robusto, armonico.
Gradazione minima: 12,5°.
Abbinamenti: pecorino toscano stagionato, salame, salsiccia, carne rossa stufata, cinghiale in agrodolce.
 

Presso gli Scavi di Pompei dal 12 aprile al 27 novembre 2017: “Pompei e i Greci”

pompei_greci

La mostra vuole raccontare i frequenti contatti avuti tra Pompei e il Mediterraneo greco attraverso oggetti importati da artigiani, architetti, e, su iscrizioni in greco graffite, trovate sui muri della Città. Sono oltre 600 i reperti esposti tra ceramiche, ornamenti, armi, elementi architettonici, sculture, argenti, e iscrizioni in diverse lingue: greco, etrusco e paleoitalico. Tutte testimonianze provenienti da Pompei, Stabiae, Sorrento, Cuma, Capua, Poseidonia, Metaponto e Torre di Satriano.
L’allestimento, diviso in 13 sezioni tematiche, occupa la Palestra Grande di Pompei, e gli oggetti provengono dai principali musei nazionali ed europei.
Orario: tutti i giorni dal 12 aprile al 31 ottobre 9.00 – 19.30 (ultimo ingresso alle 18). 1 e 2 novembre 9.00 – 17.00 (ultimo ingresso alle 15.30).

Sapori del territorio: “Cilento Doc” – Quattro tipi di vino: Rosso, Rosato, Bianco, Aglianico.
Abbinamenti: provola affumicata, provolone del monaco, timballo, trippa alla napoletana.